Questo video è riservato agli abbonati

Se ancora non hai un'account clicca qui sotto per attivare la prova gratuita. Puoi comunque leggere un estratto di Tipi di Yoga: quanti sono e come trovare quello giusto per te qui sotto.

Accedi Prova per 7 giorni

Tipi di Yoga: quanti sono e come trovare quello giusto per te

Oggi voglio parlarti dei diversi tipi di yoga. Quante tipologie di yoga ci sono? Qual è lo stile adatto a me? Sono delle domande che mi sono state poste spesso in questi anni.

Per questo, ho preparato un video in cui ti spiego in modo approfondito quali sono i diversi tipi di yoga, la loro storia e come trovare quello che fa per te.

In questo articolo, troverai un breve estratto di alcuni degli argomenti che tratto nel focus:

Il mondo dello yoga comprende davvero diversi stili e ognuno nasce con uno scopo ben preciso. Inizia a scoprirli da qui!

I 4 tipi di Yoga secondo i libri sacri

Prima di tutto, vorrei porre l’attenzione sul fatto che quando parliamo di stili di yoga, spesso focalizziamo la nostra attenzione solo sulle tipologie di movimento da eseguire.

Per capire davvero le differenze tra i diversi tipi di yoga, dobbiamo ricordarci che questa è anche una disciplina filosofica e quindi ci sono varie correnti e scuole di pensiero, che nel tempo l’hanno plasmata.

Vorrei iniziare partendo da quelle che sono le 4 tipologie di yoga, secondo i libri sacri:

  • Karma Yoga
  • Bhakti Yoga
  • Raja Yoga
  • Jnana Yoga

1. Karma Yoga

Il Karma Yoga è la via dell’azione consapevole, ovvero lavorare senza bisogno di essere attaccati ad un obiettivo.

Nella storia, ci sono molte figure che hanno seguito questo sentiero, come Madre Teresa di Calcutta e Mahatma Gandhi ovvero persone che hanno cercato di assottigliare il proprio ego, nel modo più umile possibile.

Questa è una delle tipologie di yoga che conosciamo già nella Gita. Possiamo quindi vederlo come il primo passo, il primo sentiero dello Yoga.

2. Bhakti Yoga

La seconda tipologia di yoga viene chiamata Bhakti Yoga e rappresenta tutto ciò che ci avvicina al divino.

Non si intende la fede in un Dio, ma riguarda più il concetto di devozione in generale. Questa è una delle tipologie di yoga che possiamo vedere quando assistiamo ai canti con mantra o kirtan, oppure atti devozionali come la Puja.

Bhakti Yoga ci insegna l’amore incondizionato, ci insegna ad abbandonare completamente quello che conosciamo, per abbracciare qualcosa di superiore.

3. Raja Yoga

La terza tipologia di yoga viene chiamata Raja Yoga, lo yoga della meditazione.

Quando parliamo di Raja Yoga intendiamo gli 8 rami dello yoga, secondo Patanjali.

Esso comprende: Yama, Niyama, Asana, Pranayama, Pratyahara, Dharana, Dhyana e finalmente il Samadhi, la liberazione.

4. Jnana Yoga

La quarta e ultima tipologia di yoga conosciuta è Jnana Yoga, ovvero lo yoga dell’intelletto, dello studio.

È ritenuto lo yoga più difficile perché riguarda lo studio dei Veda, grazie ai quale l’essere umano è in grado di distinguere ciò che è reale da ciò che non lo è.

Nella filosofia yogica l’irreale viene chiamato “velo di Maya” e attraverso lo studio noi esseri umani possiamo comprenderlo.

I Guru che hanno portato lo Yoga in Occidente

Ora ti parlerò di come i diversi stili di yoga ci sono stati tramandati e siano giunti in Occidente, fino ai giorni nostri.

Molti degli stili di yoga che oggi conosciamo sono stati influenzati da due grandi maestri: Sivananda e Krishnamacharya.

Da questi due guru, che sono vissuti fino alla metà del Novecento, sono nati maestri di yoga quali Swami Vishnudevananda, il guru dei Beatles, oppure Swami Satchidananda, che ha addirittura aperto il festival di Woodstock.

8 stili di movimento nello yoga

1. Sivananda Yoga

Questo stile alterna posture a momenti di rilassamento, ed è anche considerato lo yoga della longevità.

Partecipando a delle classi di Sivananda, vi potrà capitare di praticare anche Hatha Yoga, andando a utilizzare quindi dei movimenti abbastanza lenti e consapevoli, in un’alternanza fra movimento e rilassamento.

2. Ashtanga Yoga

Questo tipo di yoga è quello che io ho praticato per tanto tempo e che è stato portato in Occidente dal guru K. Pattabhi Jois.

L’Ashtanga è uno stile di pratica rigida e fissa, nella quale le sequenze vengono ripetute in ordine cronologico, rimanendo sempre le stesse.

Questa tipologia di yoga, che può durare fino alle due ore, è considerata una pratica di livello intermedio e per questo sconsigliata ai principianti.

3. Vinyasa Yoga

Tra i diversi tipi di yoga, nati più recentemente, troviamo anche il Vinyasa Yoga.

È uno stile che utilizza molto il movimento dinamico, fluido e libero. Per capire meglio come funziona, ti invito a provare una di queste lezioni di Vinyasa Yoga.

Se nell’Ashtanga le posizioni si ripetono, nel Vinyasa troverete delle classi nel quale il focus potrebbe essere l’apertura dei fianchi o arrivare ad una determinata posizione.

4. Hatha Yoga

Si tratta di uno degli stili di yoga più antichi, tramandatoci direttamente dalle scuole iniziatiche dell’India e del Tibet.

Nell’Hatha Yoga ci si focalizza molto sulla respirazione consapevole, alternata a esercizi fisici fortificanti.

In questa tipologia di yoga, le lezioni sono tendenzialmente più lente e mirano a conoscere meglio il proprio corpo. Se vuoi praticare anche tu questo stile ti consiglio il nostro percorso di Hatha Yoga.

Yoga power corso online

5. Power Yoga

Tra le varie tipologie di yoga nate nel panorama New Age, troviamo il Power Yoga.

Si tratta di una disciplina molto dinamica, che aiuta a migliorare la respirazione, aumentare la forza e liberare la mente.

L’obiettivo è quello di liberarci dai blocchi energetici, attraverso lo sforzo fisico e la respirazione. Ti consiglio di provare queso percorso dedicato al Power Yoga, per iniziare a purificare il tuo corpo espellendo tutte le tossine.

6. Yin Yoga

Parlando invece delle discipline di yoga più lente, recentemente si è affermato lo Yin Yoga.

È uno stile che ha molto a che vedere con la medicina cinese e si ispira al concetto di Yin e Yang, dove si cerca di trovare il giusto equilibrio tra forze complementari.

In questa tipologia di yoga si utilizzano delle posizioni statiche, che vanno tenute per molto tempo. Per entrare maggiormente in profondità in questa disciplina prova il nostro corso di Yin Yoga.

7. Kundalini Yoga

Uno degli stili di yoga maggiormente legati alla sfera energetica è il Kundalini.

Questa disciplina si compone di una serie di tecniche che servono per stimolare l’energia più sottile all’interno di noi.

Se andrete ad una classe di Kundalini, probabilmente non farete molti movimenti, ma utilizzerete delle mudra, dei canti e delle respirazioni per attivare la vostra energia.

8. Yoga Nidra

Un’altro tipo di yoga molto conosciuto è lo Yoga Nidra. Viene definito lo yoga del sonno, ed è stato studiato e portato in Occidente dal guru Swami Satyananda Saraswati.

Si compone principalmente di rilassamenti da svolgersi sdraiati a terra. Nel corso della pratica si evoca un simil sonno, che lavora sulle onde cerebrali, allo scopo di rilassare la mente.

Per capirlo meglio, ti consiglio di provare questa lezione di Yoga Nidra con Campane tibetane.

Come capire quale tipo di yoga è il più adatto per te

Come hai visto esistono davvero molti tipi di yoga e a questo punto, forse ti starai chiedendo “Come faccio a capire qual’è il migliore per me?”.

È una domanda interessante e che ricevo spesso. Prima di tutto, il mio consiglio è quello di rivolgerti a un’insegnante professionista a cui potrai raccontare la tua storia, in modo che possa proporti le classi più adatte alle tue esigenze.

Nella mia esperienza ho provato diversi tipi di yoga come Hatha, Vinyasa e Ashtanga, fino a capire quale fosse quello più adatto ai miei bisogni.

Naturalmente, non è detto che si debba seguire un solo stile di yoga. Per esempio, si possono fare delle pratiche dinamiche al mattino di vinyasa e altre più lente la sera, in modo da stimolare il sistema nervoso e andare a dormire meglio.

Se però hai ancora delle perplessità su questa disciplina millenaria, ti invito a leggere questo focus in cui ti spiego perché praticare yoga e quali gli innumerevoli benefici che può portare nella tua vita.

Prima di lasciarti, vorrei condividerti un ultimo consiglio: non limitarti, lasciati incuriosire e continua ad esplorare diverse tipologie di yoga.

Ci sono tantissime lezioni e stili che puoi provare, fino a comprendere qual è la strada giusta per te.

Spero davvero che questo riassunto ti abbia aiutato a conoscere meglio gli stili di yoga e il loro significato.

Se non hai ancora effettuato l’iscrizione a Yoga Vibes per vedere tutti i contenuti presenti sulla piattaforma puoi iscriverti ai 7 giorni di prova gratuita.

Ti ringrazio e ti aspetto!

Allena mente e corpo, eleva il tuo spirito!

Pratica yoga quando e dove vuoi, scegliendo tra lezioni e contenuti sempre nuovi. Ti guideremo ascoltando le tue necessità ed offrendoti i nostri consigli.

Prova 7 giorni gratis